Afragola, minore allontanato dopo rissa in casa famiglia

É stato allontanato ieri un minore della casa famiglia di Afragola protagonista l’altroieri della rissa all’interno delle mura della comunità, secondo le indiscrezioni, sarebbe stato portato via dalla Polizia Municipale e dai servizi sociali, allertati ieri dai vicini. “L’allontanamento di questa persona é avvenuta dopo le nostre ripetute denunce e segnalazioni – dichiarano i vicini – come l’altro allontanamento di altri tre ospiti altrettanto pericolosi circa due settimane fa, non é possibile che si deve aspettare che si sfiori la tragedia, e soprattutto non é possibile che le forze dell’ordine debbano essere allertate dai vicini e non da chi vive e dirige la comunità, se ieri non avessimo chiamato le forze dell’ordine, probabilmente nulla sarebbe successo; la conferma di tutto ciò é che non appena abbiamo chiamato sono intervenute, ciò dimostra che probabilmente, finora, nessuno aveva mai denunciato alle forze dell’ordine il soggetto che é stato allontanato ieri nonostante i nostri continui allarmi; abbiamo paura, siamo terrorizzati, potrebbero arrivare altri soggetti del genere e noi non siamo al sicuro, concludono i vicini – ci troviamo in un condominio tranquillo dove vivono famiglie con bambini, non possiamo andare avanti cosí… basta un attimo per morire”. “Tutto questo non fa bene alla nostra città – dichiara il sindaco Claudio Grillo – strutture del genere non possono permettersi il lusso di avere all’interno delle proprie mura soggetti del genere che oltre a mettere in pericolo l’incolumità di un intero condominio, degli operatori e di altri ospiti rischiano di mettere in pericolo la vita dei cittadini afragolesi poiché gli episodi spiacevoli avvenuti nella stessa comunità sarebbero potuti avvenire anche in strada. Sono fiero del lavoro svolto dai servizi sociali, dalla Polizia Municipale, coordinata dal Comandante Orlando, e sono certo – conclude Grillo – che i Carabinieri di Afragola, coordinati dal Comandante Semprevivo proseguiranno nelle indagini per far luce sugli episodi accaduti”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...