“Mani Sicure”, ecco il primo progetto discografico di Tammurrianti World Project

Sabato 7 maggio alle ore 21.30 presso l’Auditorium Novecento di  Napoli, sarà presentato il nuovo disco di Tammurrianti World Project, intitolato “Mani Sicure”. L’ingresso è libero fino ad esaurimento posti ed è possibile prenotarsi inviando una mail all’indirizzo prenotazioni@soundfly.it

“Mani Sicure” è il primo lavoro discografico del progetto musicale ideato e diretto da Michele Maione e Emidio Ausiello, musicisti attivi nel panorama partenopeo e non solo, stampato dall’etichetta “Soundfly”. L’incontro tra i due artisti è avvenuto nel 2008 quando pubblicarono l’opera didattica in dvd “TAMMURRIANTI”, ed in seguito hanno cominciato a lavorare ad una musica ispirata all’universo dei tamburi a cornice.

Questo disco infatti racchiude composizioni di brani originali per la maggior parte, fra cui tre  strumentali, e qualche rielaborazione di brani della tradizione musicale classica e popolare del Sud Italia, fondendo così sonorità antiche e suoni underground della musica elettronica. Oltre ad Ausiello e Maione, questo lavoro discografico vede anche la partecipazione di altri  due artisti, Andrea Esposito ed  Enzo Tammurriello. I protagonisti del disco sono sicuramente i tamburi a cornice e le percussioni, elementi imprescindibili alla base di ogni ispirazione della musica di Tammurrianti World Project, che però riescono a dialogare con linguaggi e strumenti più moderni come sintetizzatori e drum machines, creando così una musica nuova. Tra i gli ospiti che hanno impreziosito il lavoro, figurano inoltre il compositore Savio Riccardi, l’ensemble di archi “Ondanueve String Quartet”, il musicista Roberto d’Aquino, l’ensemble di tamburi a cornice “Tammurianti” e la vocalist performer Sonia Totaro.

 “Mani Sicure” è, dunque,  un invito a ritrovare una dimensione umana e condivisa della musica, un invito all’accoglienza e al non diffidare del prossimo: valori alla base del percorso musicale di Tammurrianti World Project, che si sviluppa oltre che su un binario musicale, su quello concettuale.

Sara Finamore

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...