La notizia (smentita) della morte di Rosa Russo Iervolino tra mancata verifica e impoverimento delle fonti

La vicenda della falsa notizia della morte di Rosa Russo Iervolino, già ministro dell’Interno e sindaco di Napoli, subito smentita dalla famiglia mentre circolava sui principali siti d’informazione, evidenzia la superficialità di molti giornalisti nel trattare l’informazione.

 Quando ho cominciato questo mestiere la prima cosa che mi hanno insegnato era che ogni notizia va controllata, verificata e controllata di nuovo. Oggi, invece, sembra un continuo correre dietro a quello che appare sul web. “L’ha pubblicato quello? Allora lo scrivo anch’io”. Nessuno che si prenda la briga di alzare un telefono chiamare l’interessato/a o qualcuno che lo conosca bene per accertare se quell’evento si sia realmente verificato. Ritengo anche che ci sia un impoverimento delle fonti personali.

Bastava semplicemente chiamare un collaboratore di fiducia della Iervolino, una persona che avrebbe potuto raggiungerla in qualsiasi momento, e la notizia – prima della corsa al click – si sarebbe sgonfiata in pochi minuti.

Salvatore Testa

  • Presidente Self (Secondigliano libro festival)

Già responsabile sede AGI di Napoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...