Emiciclo di Capodimonte, giardinetti ridotti a discarica: li puliscono i residenti

Il ponte della Sanità, intitolato a Maddalena Cerasuolo e all’eroico gesto dei partigiani napoletani che ne impedirono la distruzione da parte dei soldati nazisti in ritirata dopo la rivolta delle Quattro Giornate, è uno dei luoghi più simbolici e ricchi di storia della città. Costruito ai primi dell’800 durante il decennio francese, rappresenta un fondamentale collegamento tra la parte bassa della città e la collina di Capodimonte. Ed è proprio per la sua importanza strategica, oltre che per vendetta verso i napoletani che riuscirono a piegare la ferocia nazista con un’epica rivolta popolare, che i soldati tedeschi decisero di minarlo. Il tentativo fu sventato con coraggio da un manipolo di napoletani che si opposero con le armi alla distruzione del ponte, preservandolo per le generazioni future, fino ai giorni nostri.

Una storia degna di essere ricordata nei libri di storia ma forse insufficiente a spingere le amministrazioni locali a mantenere il decoro del ponte e dei piccoli giardinetti collocati nei dintorni.

A due passi dalla targa di marmo che ricorda le eroiche gesta di Maddalena e dei suoi compagni, infatti, i giardinetti si sono trasformati in vere e proprie mini discariche dove è possibile trovare di tutto, dai resti di cibo alle coperte usate dai senza fissa dimora che spesso si accampano sulle panchine per intere giornate, impedendo di fatto qualsiasi altro utilizzo degli spazi. Per questo motivo quattro residenti della zona Patrizia mottolese, Carlo Restaino, Alessandra Aggressore e Gianni Monaco hanno organizzato una pulizia di tutto l’emiciclo. L’organizzazione è stata creata su Facebook da Carlo. L’obiettivo è incitare l’amministrazione a rendere questi giardini vivibili e puliti come dovrebbero essere, come afferma lo stesso Restaino sui social “la volontà è l’arma più potente che abbiamo, sfruttiamola!”

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...